Collabora con noi

NARRATORI DI TUTTO IL MONDO, SCRIVETECI!

CALL TO ACTION: STUPEFACENTE!

Circa una volta al mese, diamo la possibilità a chiunque sia un appassionato di scrittura di inviarci i suoi testi. Il metodo è semplice: lanciamo una call in cui, di volta in volta, scegliamo due o più parole che diventeranno il fulcro delle vostre narrazioni.

Narrandom è proprio questo: un tema centrale declinato in modi diversi.

Questo mese, abbiamo deciso di farvi smaltire le feste in modo stupefacente.

Le parole sono:

STRISCIA

ACIDO

MARIA (Cuore immacolato facoltativo)

Sceglietene una (una parola per un racconto, non verranno presi in esame i testi che hanno come fulcro due o tre parole) e prendete spunto per il vostro racconto INEDITO di tre cartelle (5400 caratteri spazi inclusi) da inviarci, in formato WORD, entro il 28 FEBBRAIO a info@narrandom.it.

Il file dovrà essere rinominato così: Cognome_Parola scelta_Titolo. All’inizio del testo vi chiediamo di specificare il titolo del racconto, il vostro nome e cognome e la vostra mail.

Se volete, alla fine del racconto, potete scrivere due righe che ci parlino di voi.

Tutti i testi, anche quelli non pubblicati, riceveranno un macro editing, perché per noi è importante che Narrandom sia, prima di tutto, un luogo di crescita e di scambio di opinioni.

Chiediamo agli autori di inviarci UN SOLO TESTO A CALL. Per quanto siamo grati del vostro entusiasmo, diventa sempre più difficile leggere in tempi brevi la mole di racconti che riceviamo, per questo abbiamo deciso di limitare le partecipazioni. Crediamo che concentrarvi su un unico racconto possa portare benefici anche a voi, oltre che a chi seleziona i testi. 

Se hai domande o dubbi ti invitiamo a consultare la sezione delle domande frequenti cliccando QUI

ps: In caso non riceviate una mail di conferma dell’avvenuta ricezione del testo, entro tre giorni dall’invio, segnalatecelo sulla posta di Facebook, poiché alcune volte la nostra mail fa i capricci, e non vorremmo perderci nessun racconto. 

 

illustrazione di Alessandro Buro