Cornetti notturni

Picci stava ancora davanti al televisore, in mutande e canottiera, al buio, col joypad in mano.

«C’hai messo un botto» gli disse.

Giulio chiuse la porta e accese la luce della cappa sopra i fornelli, l’unica che funzionava. «Nun pòi capì che m’è successo». Tirò fuori dal frigo una Peroni piccola e fece saltare il tappo con l’accendino.

«Che t’è successo?» chiese Picci, incollata allo schermo.

Il tappo ricadde nel lavandino pieno.

«Allora, sto lì all’angolo der pub, che aspetto er tipo». Giulio sedette accanto a lei sul divano. «E vedo che dall’altra parte dell’incrocio arriva uno, ‘na cifra loffio, che ciondola tutto e nun se sa com’è riuscito a attraversà la strada, e me se ferma davanti. Io mo’o guardo, e lui me fa: “Scusa, nun è che ci avresti quarche euro… che devo fare proprio una ricarica urgente… che m’hanno fregat’er portafojo… ‘sti bbastardi… che la pischella mia è rimasta pe’ strada a piedi…”».

«Capirai» disse Picci, «‘na coppia de rimasti».

«Che poi c’aveva pure ‘na bella camicia, alto, capelli corti… manco l’avresti detto che era ‘n tossico. Ma perché giochi senza musica?».

«Me piace de più. Solo effetti sonori. L’hai preso er fumo, sì?».

«Comunque je dico de no» proseguì Giulio «e quello m’attacca ‘na pippa che lui è romano da sette generazioni, che aveva fatto domanda p’entrà nei pompieri ma lì sò tutti raccomandati… Ha parlato a cazzo pe’ cinque minuti». Bevve un sorso. «Che poi ogni tanto, gli occhi da abbottati je ritornavano lucidi. Ma tipo pe’ un secondo. E lì t’accorgevi subito che era ‘n fìo de ‘na mignotta».

«Embè? Era ‘n drogatone» disse Picci in derapata. «Dai, intanto che racconti fa’ ‘na bomba».

«Poi de colpo diventa tutto serio, e me fa: “Come te chiami?” E io rispondo Giulio. E lui me s’avvicina all’orecchio: “A Giulié, sò ricercato da tutte le polizie”».

Picci sbuffò una risatina. «Così t’ha detto?».

«Eh. Che io ho pensato boh, o sta fòri de capoccia o avrà combinato quarcosa, e lo cercano sia i carabinieri che la polizia, e magari pure la guardia de finanza, che ne so».

«Seh vabbè, e ‘a municipale no?».

«E ‘nsomma j’ho risposto: “Allora cerca de nun fatte beccà”. E lui, nun s’è messo a ride? Cioè, m’ha fatto un sorrisetto sghembo e ‘na specie de… colpo di tosse. E poi se n’esce: “Che facevi de bello, Giulié?”».

«Così?».

«Eh. E io ho detto: “Cercavo ‘mpo’ de fumo”».

«Ecco, hai fatto la cazzata» sentenziò Picci. «Magari era ‘na guardia in borghese».

«A Pì, ma quale guardia in borghese. Stava fatto come ‘na pigna. Comunque, a bruciapelo me fa: “Quanto te serve?”».

«Ah».

«E io faccio: “Boh, un ventino”. Ma così, tanto pe’ parlà. E a quel punto lui se agita tutto: “Ma che scherzi, ma to’o rimedio io ‘n ventino, ce metto cinque minuti, c’ho ‘n amico che sta qua dietro”. Tutto disponibile. Pure troppo. E infatti m’ero mezzo pentito. E quindi ho detto che non faceva niente, ma quello insisteva, e nun pòi capì quanto se stava a accollà co’ ‘sti cinque minuti e co’ ‘st’amico suo».

«E magari voleva i venti euro subito».

«Esatto. E quindi j’ho ripetuto che lo ringraziavo ma che c’avevo già ‘n appuntamento… e alla fine ha lasciato perde. E m’ha richiesto ‘no spiccio».

«Secondo me cercava de capì che tipo sei pe’ scucitte quarche sòrdo» disse Picci saltando a tutto gas uno di quei ponti sul fiume che si alzano, mentre si alzava.

«Eh, lo so» rispose Giulio, «però alla fine j’ho dato solo ‘na sigaretta, e lui m’ha guardato co’ du’ occhi fattonissimi, mezzi chiusi, pe’ tipo dieci secondi, che ho pure pensato, ma che è morto? E poi m’ha detto: “Giulié, te ringrazio pe’ la sigaretta e pe’ la chiacchierata”. M’ha dato ‘na pacca e se n’è annato».

«Ma dimme te. Insomma er fumo?».

«Insomma aspetto, aspetto, aspetto, e er tipo der fumo nun se fa vedé. Poi, dopo venti minuti che me stavo a fà du’ palle, vedo che dall’altra parte dell’incrocio, davanti ar baretto… quello co’ tutti neon…».

«Mortacci vostra!» disse Picci allo schermo.

«Ahó, me stai a sentì?!».

«Sissì, l’ho capito er baretto».

«Insomma lì davanti se scansano tutti de botto. E in mezzo je passa de corsa, attraversando l’incrocio, er drogatone de prima! Co’ dietro un tizio che era ‘n armadio, pelato, co’n Chiodo de pelle e i guanti da motociclista».

«Ma che davero?» fece lei smitragliando dal finestrino della sua Porsche viola.

«Ha’ da vede come piottavano!» assicurò Giulio. «‘Na macchina ha inchiodato che a momenti li metteva sotto. E appena sartano sur marciapiede de qua, er pelato zompa addosso ar tossico e lo sbraga!».

«Mortacci».

«Hanno fatto un botto che ti giuro: mi sono cacato addosso. L’ha sbragato davanti a me. E l’ha ammanettato!».

«Ma che stai a dì?».

«Braccia dietro la schiena e tutto quanto! L’ha tirato su che quello sputava sangue e pezzetti de marciapiede. E ‘n attimo dopo è arivata ‘na volante a sirene spiegate».

«Quindi era vero che lo cercavano».

«Infatti sì! Che poi er tossico nun ha detto manco ‘na parola. C’aveva un’espressione tra nun ce sto a capì‘n cazzo, e ho capito ma che vòi fà. Ma er pelato, che lo teneva pe’ la camicia, a un certo punto, a buffo, j’ha mollato un cazzotto ‘n faccia che te giuro: è partito ‘no schizzo de sangue dar naso der tossico che sarà arivato a du’ metri!».

«Porca troia» commentò lei. Mise in “pausa” e si stiracchiò.

Giulio la guardò dritto negli occhi. «Ti dico solo che al tossico gli sono franate le gambe. E er pelato l’ha tirato su e in tutta tranquillità je s’è pulito er guanto addosso alla camicia».

«Madonna» sospirò lei. Si alzò e andò in bagno.

Giulio bevve un’altra sorsata. «Nun ho mai visto tante sfumature de rosso in vita mia». Poi andò anche lui nel bagno – Picci non chiudeva mai la porta, per fare pipì.

«Comunque dalla volante è sceso un poliziotto in divisa – ‘na faccia da stronzo – che s’è messo i guanti de lattice e j’ha’nfilato le mani nelle tasche, e je l’ha svotate, e poggiava tutto sur cofano della macchina».

«E che j’ha trovato?».

«He!» rispose Giulio annuendo. «Mo te lo dico, che j’ha trovato. Allora vabbè, all’inizio quarche moneta, er portafojo… Poi, du’ cellulari, e una catenina d’oro. Ma lo sai alla fine che j’ha tirato fòri? Indovina ‘mpo’?».

«Sicuro la gnugna no» rispose lei, «perché se l’era già sdraiata». Si pulì con la carta igienica e si tirò su le mutande.

«Un pezzetto de fumo!» svelò Giulio.

«Ah». Picci tirò la catena.

«Eh! Che quello in divisa j’ha pure strillato: “E bravo!”».

«E quanto sarà stato?» Picci gli lanciò un’occhiata mentre si lavava le mani.

«Er fumo?».

«Eh».

«‘Na venti, direi. Generosa».

«E dici che era pe’ te?» chiese ancora lei, perlustrandosi la fronte allo specchio. «Lo sai che c’ho pensato?» rispose Giulio.

Picci spense la luce del bagno e gli passò davanti. Andò al lavandino della cucina. Giulio tornò al divano, finì la birra e poggiò la bottiglia vuota per terra. Accese una sigaretta e sprofondò le spalle nello schienale. «Sì perché prima che se lo caricassero, er tossico ha arzato la testa, e se semo incrociati coll’occhi». Si piegò in avanti per ciccare nella bottiglia. «E m’ha sorriso». Si voltò a guardare Picci.

Lei bevve e rimise il bicchiere sotto l’acqua.

«M’è sembrato» puntualizzò Giulio. «È stato ‘n attimo».

Picci chiuse il rubinetto e fece un altro sorso.

«In effetti era ‘na venti» rifletté Giulio. «Però magari era er suo, e ce l’aveva già».

«Ma te pare che un tossico se fa le canne?» disse Picci.

«Ma te pare che un tossico sconosciuto me va a cercà er fumo, me lo porta, e me manna pure bene?».

«A Giù, quelli pensano solo a svortà pe’ comprasse la gnugna». Picci finì di bere.

«Ma appunto. Infatti chissà che aveva combinato. De sicuro però nun è annato in giro a rischiassela pe’ famme ‘n favore. Anticipando pure venti euro, ammesso che ce l’aveva».

«Ma così avrebbe buttato venti euro facili. Se er fumo ce l’aveva già, perché nun te l’ha venduto, scusa?». Picci spense la lucina e tornò al divano. «Per me, l’aveva preso a buffo e te lo veniva a vende. Magari a trenta, mica dico che lo faceva pe’ beneficenza». Sprofondò nella sua conca e riprese il joypad.

«Ma che ne so…» sospirò Giulio.

«Vabbè, Giù, finisci ‘sta storia e fa’ ‘na canna, te prego. Oppure damme er fumo e la faccio io, che tu quanno parli nu’ riesci a fà nient’altro».

«Ma… poi è successo solo che… er pelato ha notato er so… lo sguardo, e m’ha detto: “Che lo conosci?” e io ho risposto “no no”. Fine».

«Mh».

«Che vòr dì mh?».

«Niente. E poi?».

«E poi che? Poi me sò girato e me sò fatto riccamente li cazzi mia!». Giulio diede l’ultimo tiro al mozzicone, lo infilò nella bottiglia e rimase a guardare lo schermo.

Picci era sempre alle prese col suv nero che cercava di speronarla.

«Per me era un sorriso» disse.

«Mah… Capace che manco m’ha riconosciuto».

«Però t’aveva detto grazie pe’ la sigaretta. E pe’ la chiacchierata. Poraccio».

«E vorrà dì ch’era ‘n tossico educato».

«Pò esse pure che l’hanno beccato mentre te stava a pià’r fumo».

«E allora che cazzo dovevo dì?! “Sì sì, ma certo, lo conosco! Ciao drogatone, sò quello de prima che cercava er fumo”. Ma scusa, ma se te dico che se lo stavano a beve!».

«Ahó, ma che te’ncazzi!».

«E me’ncazzo sì! Me fai er grillo parlante, me fai!».

«Io?!».

«E sì! Prima tutta cinica – te voleva scucì venti euro – e mo poraccio er tossico che st’annà bevuto che chi cazzo lo conosce?! Ma te ch’avresti fatto?!».

«Io?».

«Eh!».

«Ma che ne so… avrei ricambiato er soriso. E magari avrei detto tipo… “No, non lo conosco però mi dispiace vederlo così perché mi pare un bravo ragazzo”».

«Ma chi sei, don Matteo? Ahó, guarda che quer poliziotto era ‘na bestia! Co’ du’ occhi da killer!». Giulio si cacciò in bocca un’altra sigaretta. Ma se la tirò via con una sforbiciata delle dita. «E poi che ne sai che era un bravo ragazzo, eh?! Era ‘n tossico!». A quel punto l’accese.

«Infatti ho detto pare, un bravo ragazzo! Ma se pò sapé che vòi da me?!» urlò Picci. «Ma poi nun ho capito, er fumo quanno cazzo l’hai preso?!».

«A Pì, ma quale fumo! Ma me ne sò annato, no?!».

Picci si voltò di scatto. «No! Perché?!». La Porsche si schiantò in una vetrina.

«Ma come perché?! Ma porca puttana, cioè… le guardie, i drogati, corono, se sbragano… ma io me ne sò annato, no?!».

Picci lasciò cadere il joypad sul pavimento, e mise la faccia tra le mani.

«Le guardie, i drogati» sussurrò, «corono, se sbragano…». Levò uno sguardo feroce. «Erano due guardie e un drogato! Che sarà durato cinque minuti, st’evento sconvorgente! Mica stavi in mezzo a ‘na rapina! Lo sapevo, ce dovevo annà io».

«E che cambiava?».

«Cambiava che magari, invece di cacarmi sotto come te, annavo a cercà più giù, ‘ndo’ stanno l’artri locali, no?! Oppure facevo ‘no squillo ar tipo! No?! Oppure annavo…».

«Affanculo!».

Seguì un minuto intero di silenzio.

Poi Giulio sospirò il fumo di una lunga tirata, e disse: «Comunque ho preso i cornetti».

Picci andò in camera, e sbatté la porta. Lui rimase a guardare i replay della Porsche che sfondava la vetrina al rallentatore.

Un racconto di Maurizio Minetto

Illustrazione di Melissa Brusati

Lascia un commento