Accanna ci

Me svejo co na bestemmia che m’attraversa tutto il corpo. C’ho dolore un po’ ovunque. Giro l’occhi e riconosco ‘r ponte de fero.

Ma che cazzo è successo? Il mio braccio è ricoperto di sangue.

 

A Roma la nebbia c’ha un nome diverso: Marcigliana, Roma est, pe’ capisse.

Io ce so annato co’ la mia nuova ragazza.

Stavo co sta Punto che faceva un casino, c’aveva la cinghia così fracica che me pareva d’avè investito un poro cristiano e che me lo stavo a porta’ dietro.

Beh, insomma stavo insieme alla ragazza mia, che stavamo a cerca’ un posto dove farlo per la prima volta.

―Puoi sceglie’, o me porti ar ponte de fero, quello fori Roma, oppure annamo ar manicomio.

―Ma tipo n’hotel?

―Si me voi, devi sceglie’.

―Manicomio.

Lei pija ‘r cellulare dalla tasca, scrive un messaggio, poi me guarda e se passa la lingua sulle labbra.

―Daje de manicomio, Chri.

Io me chiamo Christian, co l’h in mezzo. Come un singhiozzo. Na cosa che nun c’entra niente co’ me, quell’acca. E mentre che lei me dice ‘sta cosa un po’ me se fa duro un po’ me caco sotto.

―Amo’, ma fallo de dietro, no eh?

―La prima vorta deve esse’ speciale. C’ho pure le torce in borsa.

―Te metto ‘a musica bella. Ma che ce fai co’ le torce?

―A Chri, non fa ‘r cojone. Fermate e scennemo.

C’era pe’a strada na nebbia che era da perdesse dentro. Era tutto così bianco e bianco-grigio che pareva de esse ner bucato stinto de un laziale fallito― a merde fraciche.

Me fa vede’ un buco dentro ‘a recinzione. Lei ce passa, poi, appena che la raggiungo, me dice de fa piano perché ce stanno i cani der guardiano “che si te cioccano so’ cazzi”.

Solo allora vedo er manicomio.

La nebbia tutto intorno l’avvolge che pare quasi che senza de quella l’edificio nun ce starebbe. Se lo magna e se lo ricaca. Sempre de quer bianco triste. Cor nero delle inferriate che se n’è mezzo annato. C’è solo una luce debolissima. È il cancello d’ingresso, me dice a ragazza mia.

Io me resto fermo a guarda’ mentre lei subito prende e parte.

―Ao, amo’ do’ stai?

―A Chri, te movi?

―Do’ stai?

Ecco che me la vedo arrivare co’ quer rossetto rosso e ‘a pelliccia rosa che j’arriva fino ai piedi.

―A fregna.

―Entramo Chri.

―Tornamo in macchina.

―Ma che te stai a caca’ sotto?

―Te pare, è che sei ‘no zucchero.

Lei nun ce casca.

―’Namo.

La cosa bella è che aveva fatto tutto Giusy, così se chiama la ragazza mia. M’aveva aggiunto su Fb, m’aveva scritto. Io, che quanno l’ho vista pensavo fosse un profilo farso, e invece. Poi se semo beccati e ha iniziato a famme tutte domande strane: “A Chri ma ce credi in Dio? Che a me l’omo che me sculaccia col crocifisso m’è sempre piaciuto” e io “Avoja, c’ho pure ‘r nome. Tutte ‘e domeniche in chiesa, nun me drogo. So’ un cristiano co l’h maiuscola”. “Che tipo de sangue c’hai?” “Quello bono” “Dico che numero, A positivo, B negativo?” “Amo’ ma che ne so io. Ce l’ho de Cristo di sicuro” “E quanno sei nato?” “Ma popo mo’ tutte ‘ste domande?” le ho detto riabbassandole la testa. “Risponni o te lo mordo” è riuscita a bofonchiare. “Er sei giugno der novantasei”. “E perché t’hanno chiamato così?”, a quer punto jò sbroccato “Amo’, però, ecchecazzo, o fai ‘na cosa o ne fai n’artra” e qua matta me lo morde “A scocciata, ma che te pia. Mi zio m’ha dato ‘sto nome, è un cardinale”.

 

I corridoi so’ pieni de scritte, parono fatte cor sangue.

―Amo’, so cinque minuti che stamo a girà.

― È che nun trovo la chiesetta, ‘na trovo mai.

Io me fermo, je punto ‘a torcia in faccia e me la guardo.

―Ce vieni spesso?

Cadono granelli di intonaco, dietro de me. E sento quarcosa che se move. Forse dei respiri e me impanico.

―Co’ li amici mia ce vengo ogni tanto. Dai annamo.

―Hai sentito?

―Secondo me te stai solo a caca’ sotto.

Me bacia dei quei baci bagnati, co’ la lingua che se move come n’anguilla impazzita. Poi me mozzica le labbra, me fa uscì ‘r sangue, quella sciroccata. La vedo che se lo lecca.

―Forse è mejo torna’ in macchina. Annamo via.

―No, vieni.

Me pia la mano e me tira lungo ‘sto coridoio infinito. Apre ‘na porta de legno e semo fuori. Sopra la nebbia vedo sta croce tutta triste, è lì che stamo anna’.

‘A ragazza mia spigne ‘a porta de legno, che scricchiola come se nun se volesse apri’. La chiesa è illuminata e quasi caccio un urlo quanno vedo le candele accese. Stanno proprio ar centro e so’ messe come a forma’ un disegno, c’hanno un senso. Lei, che me sta du’ passi avanti, se vorta e me guarda co’ dell’occhi che me fanno paura tanto che penso: o qui se scopa che m’ammazza o m’ammazza e basta. E come si m’avesse letto ner pensiero, se leva la pelliccia. Sotto è nuda (e dentro, pe’ n’attimo, penso ma ns’è crepata de freddo?). E c’ha ‘sto corpo pallido che sbrilluccica de’a luce de candele. E io me la guardo tutta e solo allora me accorgo der tatuaggio che c’ha sull’inguine: ‘na specie de stella. Bella trucida.

―Te piaccio?

―Sei ‘na fata.

―E li amici mia, te piacciono?

Ecco che da dietro de lei spunteno ‘sti costumi neri co’ delle maschere bianche. E c’hanno catene, cortelli, falci e io sto a morì. M’empanico, ma provo a buttala a ride.

―Che famo ‘r mucchio servaggio?

―Christian, tu sei nato il sei giugno del 1996, alle sei in punto― a parla’ è uno degli “amici sua” ― Porti dentro di te il sangue di Lucifero, la sua forza.

―A ci, ma che cazzo stai a di’?

―Unisciti a lei e dona il tuo sangue per far arrivare l’apocalisse.

―A ci ma che cazzo voi da me? Io nun t’ho fatto niente. Lassateme anna’ e giuro che non dirò nulla.

―Abbraccia il demonio, unisciti a Giuseppina― me dice il tipo indicando la ragazza mia.

―Giusy sta pe’ Giuseppina? Grazie ar cazzo che voi manna’ tutto a puttane. Comunque no, zi’, niente apocalisse, domani c’ho il calcetto.

―Si parla di cambiare il mondo, Christian. Devi solo unirti a lei e donarci il tuo sangue.

―Accanana ci’ nun te do proprio niente.

―Basta― dice l’uomo incappucciato agli altri― piate sto fijo de puttana.

 

E io me do. Coro che manco Cafù. Raggiungo la porta e rientro ner manicomio. C’è uno de loro che me blocca la strada, lo schivo e iniziò a sali’ ‘na rampa de’ scale. So’ tutte sdrumate che me tocca fa attenzione. Arrivo ar pianerottolo e pe attraversallo cammino sopra un ponticello fatto da’ na piccola trave de fero arrugginita. E me fermo dall’altra parte. I satanisti s’ammassano tutti davanti a me.

―A ‘nfami, ve faccio cade’ tutti, mortacci vostri.

―Christian unisciti a noi.

―Te sfonno ci.

―Vai tu― dice l’incappucciato a uno dei suoi.

Quello mette un piede su quel minuscolo ponticello e io je tiro ‘n carcio che scansate proprio.

Il tipo casca.

Fa un rumore brutto.

Dar corpo gli esce uno spunzone di ferro.

―Oh cazzo, l’ho seccato.

Quello che pare il loro capo, me guarda pija ‘n pezzo de calcinaccio e mi colpisce in testa.

―A cojone― me dice, io svengo.

 

Me ritrovo in macchina, in mezzo a nebbia cor sole che sta a cresce e colora tutto de rosa. C’ho ‘r braccio insaguinato, tiro su la manica e vedo ‘na ferita. Quegli infami m’hanno fatto un pentagono cor cortello.

Controllo si c’ho altri tagli, ma niente. Il cazzo me inizia a pulsa’. Apro la patta e lo vedo pieno de sangue. M’hanno inciso la cappella. Ce l’ho stellata.

Ma perché?

Lo sapevo che me lo sfonnava Giuseppina.

Me so scopato una Giuseppina, nun ce credo.

Arzo l’occhi e vedo che sur parabrezza c’hanno scritto quarcosa.

“Satana ritornerà” e sotto “Ps: speramo con un cazzo più grosso”.

Ma li mortacci vostri. E io l’ho detto che nun c’entravo niente. Come l’acca nel mio nome, come la Marcigliana co’ Roma.

Accendo a macchina e vado via dar ponte de fero. Ogni volta che cambio la marcia me fa male il cazzo.

Me sa che a carcetto nun ce posso gioca’, anche se cor cazzo stellato avrei fatto i miracoli.

 

Illustrazione di Melissa Brusati

 

Giulio Fenelli

Giulio è romano DOC. Da piccolo ha frequentato corsi di equitazione circense, tennis, sci alpino e appenninico, e nel tempo libero scriveva poesie. Poi ha conosciuto il whiskey e le sigarette, e alle poesie non ci ha più pensato. Sogna in piccolo: gli basterebbe scrivere il nuovo Notturno Cileno e timonare il suo Pequod.

 

 

Un pensiero riguardo “Accanna ci

Lascia un commento