lividi Narrandom

Ma che solo io voglio scopa’?

 

―“Che è quel livido sull’occhio?”, dice il pappone alla mignotta, “Niente”, risponde lei,” ‘Na cazzata”.

 

Cazzo, chi è quer cojone che c’ha fatto di’ na cosa der genere, Peter Pan? Lo sapevo, qu’o stronzo. Maturità picchialo, strozzalo n’artro po’. No, no, de meno che a ‘e je donne piace l’omo che fa il regazzino, ma fino a ‘na certa.

Dai ragazzi che oggi se scopa.

Impegnamose.

Cultura sfodera un corpo da maestro, dije una di quelle cazzate che te piaciono tanto. Poesia? Sì, sì. Colpisci Cultura, a cazzo duro. A proposito, Dopamina come stai? Tutto bene sì? Vedi di non fa’ scherzi, eh?!.

Neurò viè qui. Fai move gli Occhi, faje guardà le tette e, ricordati, nonostante la droga, te prego ricordate, che quanno che si gira le devi spizzà er culo. Su, cori, che Dopamina se deve carica’.

Dai ragazzi che oggi se scopa.

Cultù? Allora? Hai trovato quarche cazzate da dije? Non è che potemo solo fa parlà Peter Pan, sennò ce ritrovamo a giocacce a briscola.

 

―Lo sai perché i froci so chiamati finocchi?

 

Chi è quel testa di cazzo! Portatemelo qui. Ma porca troia me lo ricordo pur’io che sta turbofregna c’ha il fratello frocio e noi je annamo a parlà popo de quello.

Cultura? Cultura? Dove cazzo sei? Ecco bene. Smetti de fatte le pippe su Montaledelimortaccitua e dille qualcosa. Che, vaffanculo, se ce scappa pure sta scopata tocca tornà a casa a fasse de novo na pippa. E se le Mani toccano de novo er cazzo ce vengono i calli.

Svejateve e che cazzo! Me pare che qui l’unico che vole scopà so io.

Prendiamo tempo, neurò torna qui, movite. Di alle braccia de portà a birra alla Bocca, Bocca sta pe arrivà un po’ de liquido. Me serve n’artro neurone. Ecco bravo, ce l’hai fatta mortacci tua, di alla Mano sinistra de ravvivasse i capelli, speramo che a forfora nun se mova, e si passi pei bicipiti dije che se gonfiassero n’artro po’.

Cosa? Il tatuaggio! Cazzo il tatuaggio, famolo vede’.

Neurò! Neurò! Do cazzo sei!!

Eccote bello de casa, tutto apposto? Voi ‘n caffè? ‘n sorso de succo? ‘n calcio in culo? Movite di al braccio sinistro de aprisse la giacca e poi passa dar collo pe fallo tende. La fregnetta deve da vede ‘r tatuaggio novo, quanto ce scopamo co qua roba.

 

― “Che hai lì? ―

Vedete, vedete mortacci vostri. Arguzia movite.

―Mi sono fatto uno schizzetto pochi giorni fa.

‘No schizzetto? Ma allora lo vedete che siete ‘n branco de froci. Già semo passati pe’ omofobi manca pure che passamo pe tossici. Peter, collabora co Arguzia te prego, sennò qui cor cazzo che se scopa.

Sta a sorride la tipa? Se capiva ch’era na deficiente, mejo pe noi.

Sta Dopamina? Sta a salì sì? Guarda che minne, si nun sale vordì che semo froci e cor cazzo che semo froci.

Sensibilità che cazzo sta facendo Subconscio? A chi sta a pensà? A Chicco che se incula Claudio?

No, no, no, non scherzamo. Accannamo regà. Tocca concetrasse: tette grosse, culo tosto, pompini, scopate.

A Dopamì bona, nun così tanto che co tutti sti ormoni nun ce capisco un cazzo.

Neurò, TE DEVI MOVE’, viè. Vai dalla Mano sinistra, deve da spostare il Cazzo, fallo mette all’altezza della cintura così non lo vede, che pare brutto.

Dai regà, se giocamo tutto mo. Vojo occhi più lucidi che se deve da vede ‘r colore, condotti cazzo lavorate per la causa. Bocca te devi da move piano ora, corde vocali vojo na voce calla e dorce, tipo quella de Tiziano Ferro. Ma che cazzo dico, Subconscio vaffanculo, nun semo froci. Sensibilità picchialo je devi fa venì i lividi pure al buco del culo, ancora cazzo, che aspetti a menallo? Nun sai come? Mortacci tua movite, o chiedo ar cervello de chiede ar barista du shot de assenzio e te manno affanculo, movite.

Dai regà, famo La mossa.

Neurò, venite, tutti coordinati, me raccomanno. Già sapete quello che dovete da fa: Mano porta i capelli de sta tipa dietro la recchia, dolcemente, dolcemente, dolcemente… polpastrelli toccateje la carne… la faccia se deve move verso de lei, le labbra devono esse bagnate, nun fate scherzi, pe l’alito sticazzi, poco ce potemo fa, Core devi da batte veloce, come se te importasse quarcosa. Poi se la limonamo, e je sta se inizia a limonà duro. Lingua preparate.

Dopamina? Dai su a cazzo duro, ce serve che poi je piace sentì a presenza.

Buono, buono.

Lingua tocca a te. Mano tiette pronta, do sta ‘r Neurone, viè qui, viette a godè ste minne co me. Quanno te lo dico devi annà dar braccio destro e dije de porta la mano sur culo della tipa.

Dai che scopamo duro stanotte.

Vai Neurò cala l’ascia. Polpastrelli fateme sentì er sangue dea chiappa, strignetela, spolpatela.

Brava lingua, ottimo mulinello, robba da professionisti.

E mo’ ‘provamo ‘r corpo grosso, daje fomento.

Neurò, viè, devi dì ar braccio sinistro de infilà a mano nelle mutande della tipa. Devi dije che me deve da fa sentì er pelo e se nun ce l’ha anche mejo, se la portamo direttamente dietro quei cassonetti.

Vai neurò, facce sognà, insaccala.

Fermi tutti.

Ansia placati.

Panico vaffanculo.

S’è staccata.

Fermi tutti, questa vole parlà. Ha riso fino a mo’ e ora vole parlà, annamo a scopà ebbasta no?. Ormoni state boni che nun capisco un cazzo, fermi, fateme ragionà.

 

―…ste cose.

 

Sensibilità? Che cazzo ha detto? Ormoni boni o ve faccio incontrà Subconscio che poi so cazzi vostri.

N’hai capito nulla Sensì? Se semo beccati ‘na santa se sparamo nelle palle subito. Magari c’ha chiesto si c’avemo er preservativo, famo quelli gentili va, portamosela in macchina facile che, forse, ‘n pompino ce scappa.

Sensibilità, Lungimiranza, Arguzia, Peter Pan collaborate che oggi se deve scopa.

 

―Vieni con me, andiamo in macchina, così possiamo scopare senza problemi.

Ahia.

Siamo dei cojoni.

Guancia come stai? Ma porca troia. Coscienza fattela na domanda si te capita.  Audacia anche meno, te lo giuro. Fiducia in noi, è solo colpa degli altri, non te demoralizzà. È solo un livido, non domani, non dopo domani, ma tra poco questo livido scomparirà, non preoccuparti, e allora, ancora un volta, ancora per sempre, ce riproveremo.  Scoperemo, domani forse, dopo domani sicuramente.

Ma chi cazzo sta a ride’? a Subconscio mavvaffanculo!

 

Illustrazione di Matteo Norchi

 

Giulio Fenelli

Giulio è romano DOC. Da piccolo ha frequentato corsi di equitazione circense, tennis, sci alpino e appenninico, e nel tempo libero scriveva poesie. Poi ha conosciuto il whiskey e le sigarette, e alle poesie non ci ha più pensato. Sogna in piccolo: gli basterebbe scrivere il nuovo Notturno Cileno e timonare il suo Pequod.

Lascia un commento