Appena in tempo-narrandom_ Blog di racconti

Appena in tempo

Granitico.

Questa era la parola che le veniva in mente quando guardava il viso di suo padre.

Anche adesso, mentre lo spiava seduto all’altro capo del tavolo, nascosto per metà dal giornale che teneva spiegato davanti a sé.

Aveva un viso nobile dai tratti ben definiti, il naso, la mascella, gli occhi, tutto era scolpito ordinatamente. 

Lei sorseggiava una tazza di latte caldo, nella cucina immobile e immersa nel silenzio.  L’improvviso ronzio di un moscone entrato dalla finestra semiaperta la riportò alla realtà e a quello che doveva chiedere al padre quella mattina.  

Ripeté a mente per l’ennesima volta: «Posso andare ad una festa con Carola sabato prossimo, papà?».

Erano giorni che ci pensava, innumerevoli le volte in cui aveva percorso il corridoio da camera sua allo studio del padre, fermandosi davanti alla porta chiusa, una mano sulla maniglia, l’altra a mezz’aria, salvo poi fare dietrofront.

«Al massimo ti dice di no», le diceva Carola mentre discutevano della cosa in cortile. 

Era un mantra che si ripeteva nella mente dal momento in cui era scesa dal letto, quella mattina.  Si era vestita ed era andata a fare colazione, trovandolo al tavolo a leggere di economia. Si erano dati il buongiorno con un grugnito.  

Ora o mai più, pensò.  Raddrizzò un po’ la schiena per sentirsi più alta e aprì la bocca per parlare ma ecco, con uno scatto improvviso il padre prese al volo il moscone che si era posato sulla pagina del giornale, schiacciandolo nel pugno. Poi aprì la mano, con le dita dell’altra staccò l’insetto dal palmo, sistemò il giornale e riprese a leggere.

Lei fissò per un po’ l’esserino rovesciato sul dorso che ancora muoveva debolmente le zampette.

Richiuse la bocca, finì il latte, mise la tazza vuota nel lavello e uscì di casa, appena in tempo per prendere l’autobus delle otto e dieci. 

 

                                                                                           Un racconto di Greta Olivo

Illustrazione: Giulio Rubinelli

 

 

Un pensiero riguardo “Appena in tempo

Lascia un commento